Che fine ha fatto? Kerlon, la “foquinha” tormentata dagli infortuni

Nell’aprile 2005 il Brasile vince il Sudamericano under-17, beffando l’Uruguay nel girone finale grazie alla differenza reti. Tra le fila dei verdeoro si mette in luce un giovane trequartista che svaria su tutto il fronte offensivo e che stupisce tutti correndo con la palla sulla testa, in perfetto equilibrio: il suo nome è Kerlon Moura Souza, e sarà capocannoniere del torneo con 8 reti in 7 partite. Nato nel 1988, è cresciuto nel Cruzeiro, che gli fa poi firmare un contratto da professionista; in tre anni alla Raposa Kerlon colleziona 28 presenze e, nonostante la giovane età, tanti infortuni. Il suo dribbling della foquinha (“foca” in brasiliano) irrita gli avversari, che per togliergli la palla dalla testa non esitano a colpirlo con calci e spallate: nel 2007 il difensore dell’Atlético Mineiro Dyego Coelho lo stende duramente, innescando una rissa che gli costerà 10 giornate di squalifica.

kerlon
Il giovanissimo Kerlon al Cruzeiro

Un anno dopo l’Inter decide di portare Kerlon nel calcio europeo, sperando che col passare degli anni la sua fragilità fisica scompaia. Il giovane brasiliano viene anche operato al ginocchio dal medico di fiducia nerazzurro, il professor Benazzo. Per far sì che possa crescere e riprendersi con tranquillità viene tesserato dal Chievo, società amica, ma in gialloblù gioca solo 4 spezzoni di partita. Nel 2009 l’Inter lo acquista con un contratto triennale e lo manda in prestito all’Ajax; i Lancieri lo aggregano alla squadra B, ma durante un allenamento si infortuna gravemente allo stesso ginocchio e la sua stagione finisce ancor prima di iniziare.

Il calvario non finisce qui: una volta rientrato all’Inter, nel ritiro estivo, subisce una frattura della caviglia ed è costretto ad operarsi nuovamente. A gennaio 2011 lascia nuovamente Milano e si accasa in prestito al Paraná, dove se non altro torna in campo e colleziona 5 presenze; ma quattro mesi dopo, d’accordo con la società, rescinde il contratto per i continui problemi fisici. Di lui si cominciano a perdere le tracce. Finisce il contratto con l’Inter senza aver giocato neanche una partita, poi passa al Nacional, terza divisione brasiliana: 6 presenze nel campionato Mineiro e zero gol. Per ritrovarsi deve scendere in terza serie giapponese, al Fujieda, dove in due anni gioca 21 partite con 9 gol e tanti assist.

Kerlon torna a divertirsi con il Fujieda, in Serie C giapponese
Kerlon torna a divertirsi con il Fujieda, in Serie C giapponese

Il ginocchio, però, continua a tormentarlo: dopo l’ennesimo intervento, finisce addirittura nelle Barbados, a giocare con i Weymouth Wales. Nel marzo 2015 infine si accasa al Miami Dade, quarta divisione americana, cercando per l’ennesima volta un rilancio mai arrivato. Le ultime tappe della sua carriera sono Malta, con i Sliema Wnaderers, nuovamente Brasile, in quarta serie con il Villa Nova, ed infine Slovacchia, Spartak Trnava. Poche presenze, tanti infortuni e pochissimi numeri, di quelli che avevano fatto innamorare gli osservatori assiepati sugli spalti dei campi di allenamento del Cruzeiro e che facevano gridare al nuovo Ronaldinho, a Ottobre 2017 “Foquinha” decide, a soli 29 anni, di appendere le scarpette al chiodo e lasciare definitivamente il calcio, frenato dagli infortuni e dalle tante, troppe attese che in giovane età si erano create intorno a lui.

Questo un video della sua “Foquinha” e delle sue giocate, che tanto celebre lo avevano reso a nemmeno 20 anni.

Precedente Sinan Bytyqi, quando il calcio ti salva la vita due volte Successivo Football Stories: Kakà, il predestinato

Lascia un commento

*