Fantacalcio 2018/19, la guida alle possibili scommesse

Torna il campionato, e come sempre torna anche il momento più atteso da molti appassionati del fantacalcio, l’asta. Una ricetta perfetta per vincere il torneo tanto amato da molti calciofili non esiste, è però possibile crearsi un minimo vantaggio nei confronti dei propri avversari meno attenti puntando la propria attenzione su calciatori sconosciuti ai più ma che, promesse alla mano, avranno un rendimento da renderli veri e propri affari. Ecco una lista di coloro che potrebbero davvero essere un’arma in più se inseriti nella propria squadra.

PORTIERI:

Lafont: Giovane francese approdato in estate alla Fiorentina, in patria si parla in maniera entusiastica di lui. Titolare certo alla Viola dopo la partenza di Sportiello, potrebbe rappresentare un’ottima carta da giocarsi nel parco portieri.

DIFENSORI:

Magnani: Giunto in estate al Sassuolo via Juventus, dopo mezza stagione in B al Perugia, pronti via ha stupito tutti al debutto assoluto contro l’Inter di Icardi, tenendo a bada il bomber argentino e mostrando grande sicurezza sui palloni alti. De Zerbi punta moltissimo su di lui, potrebbe essere una carta vincente di sicuro rendimento tra i propri difensori.

Ekong: Subito titolare nella nuova Udinese di Velazquez, Ekong è giunto nel corso dell’ultimo mercato dal Bursaspor. Difensore centrare roccioso, abilissimo di testa e duro il giusto, è un titolare certo della retroguardia friulana, alla quale potrebbe regalare anche qualche gol vista la sua abilità nello stacco.

Klavan: Dalla finale di Champions League alla Serie A con il Cagliari, in pochi mesi Klavan ha cambiato completamente dimensione lasciando i Reds e trasferendosi in Sardegna. Il difensore centrale lettone, leader della retroguardia sarda, potrebbe essere un ottimo innesto per coloro che vogliono aggiungere alla propria rosa un titolare certo e dalla grande esperienza.

Colley: Altro neo arrivo nella nostra Serie A, Omar Colley è il nuovo innesto per la difesa della Sampdoria, completamente nuova dopo le partenze di Ferrari e Silvestre. Capitano della nazionale del Gambia, il colosso (192 cm) della difesa blucerchiata nella scorsa stagione con il Genk ha totalizzato ben 4 reti grazie alla sua fisicità. Titolare e discreto fiuto del gol, non male per chi vorrà inserirlo nella propria rosa.

Altri: Biraschi (Genoa), Larsen (Udinese), Lopez (Genoa), Brighenti (Frosinone).

CENTROCAMPISTI:

Pasalic: Non un perfetto sconosciuto al calcio italiano, vista la sua esperienza al Milan due stagioni fa, ma nell’Atalanta di Gasperini il centrocampista croato avrà ben altro peso. Mezz’ala o trequartista, buon fiuto del gol, il neo orobico ha già trovato la via della rete nei preliminari di Europa League. Il Gasp punta molto su di lui, potreste farlo anche voi.

Zajc: Trequartista dell’Empoli neo promosso in Serie A, è stata una delle più belle sorprese della scorsa stagione in cadetteria siglando ben 8 reti. Titolare e leader di Andreazzoli, piede più che caldo, certamente un ottimo affare per la vostra squadra.

Meitè: Arrivato al Torino nello scambio con Barreca, passato al Monaco, il centrocampista è un centrocampista fisico, di quelli che badano poco all’apparenza ma tanto alla sostanza. Reduce dal prestito la scorsa stagione al Bordeaux, nel Toro di Mazzari ha trovato la via della rete contro l’Inter, nonostante la rete non sia il suo punto forte (soltanto la quarta in carriera). Se puntate su un calciatore dal rendimento costante che non scenda mai sotto la sufficienza avete trovato il profilo giusto.

Krunic: Ormai una certezza in Toscana, il centrocampista o trequartista bosniaco è alla sua quarta stagione con l’Empoli, con già buoni precedenti in massima serie. 4 gol nella scorsa Serie B e già un centro in questa stagione, un profilo ideale per arricchire la vostra metà campo.

Altri: Grassi (Parma), Sandro (Genoa), Sensi (Sassuolo), Capezzi (Empoli), Aina (Torino).

ATTACCANTI:

Machis: Il neo attaccante dell’Udinese viene dalla società amica, proprietà dei Pozzo, del Granada, dove nella scorsa stagione, in seconda divisione, si è messo in mostra con 14 reti. Certamente la differenza di categoria e mentalità potrà essere avvertita, lui intanto è partito titolare nella nuova rosa di Velazquez e ha trovato anche la via del gol in Coppa Italia. Potrebbe risultare una buona scommessa.

Boga: Attaccante ivoriano giramondo, l’ex Chelsea è giunto al Sassuolo dopo l’ultima stagione in prestito al Birmingham dove ha però siglato soltanto due reti. Abile a giocare anche sull’esterno, dove fin’ora De Zerbi lo ha impiegato, pur partendo dalla panchina, potrebbe togliersi soddisfazioni in neroverde grazie alla sua tecnica e velocità. La concorrenza nel ruolo non gli manca, ma potrebbe essere una gradita sorpresa per il Sassuolo e per chi decidesse di puntare su di lui.

Rigoni: Pronti-via, subito una doppietta in Serie A dopo le tante belle prestazioni allo Zenit in Russia. L’argentino è un vero e proprio colpo di mercato per l’Atalanta, dove al momento ha conteso nelle primissime uscite il posto al Papu Gomez, presto però sarà impossibile tenerlo in panchina e potrebbe diventare un punto fisso del vostro attacco così come di quello bergamasco. Più che una scommessa una certezza.

Piatek: 4 gol all’esordio in Coppa Italia, 1 all’esordio in Serie A, denominatore comune la rete. Piatek viene dal campionato polacco, dove la scorsa stagione ha siglato 21 reti, ma non sembra minimamente avvertire la differenza di valore tra i due campionati. Un vero e proprio animale dell’area di rigore, promette soddisfazioni per il Genoa e anche per voi se punterete su di lui.

 

Altri: Ciano (Frosinone), Favilli (Genoa), La Gumina (Empoli), Caputo (Empoli), Pjaca (Fiorentina), Teodorcyk (Udinese), Mraz (Empoli), Kouamè (Genoa), Stepinski (Chievo), Barrow (Atalanta).

Precedente Owen racconta: "A un certo punto della mia carriera ho odiato il calcio, non vedevo l'ora di ritirarmi" Successivo Uefa Nations League, tutto sulla nuova competizione per nazionali Uefa

Lascia un commento

*