Football Manager, 5 errori da evitare sempre e comunque

Football Manager non è un gioco come gli altri, anzi, più che gioco, molti preferiscono chiamarlo un simulatore…quante situazioni, acquisti o nuovi fenomeni son venuti fuori nella realtà, qualche tempo dopo rispetto ad un vostro save? Fortuna, probabile, ma anche tanta lungimiranza e competenza da parte dello staff, abile a visionare accuratamente ogni calciatore del globo.

Esperto o meno, qualunque allenatore virtuale alle prese con Fm sarà ricaduto, talvolta, in qualche errore, a volte questo ha portato ad una semplice sconfitta, altre, invece, può produrre addirittura un circolo vizioso che influenzerà su risultati e, non ultimo, esonero. Quali sono questi errori? Il magazine Four Four Two ne ha presentati 5, noi ve li spieghiamo accuratamente.

dfg

1) Fare turn-over per accontentare tutti i calciatori della rosa. Un classico, dovete giocare contro l’Albinoleffe, incredibilmente salito in Serie A, alla vigilia di un match di Champions o in una settimana con 3 gare in pochi giorni? Idea, faccio riposare i titolari e mando in campo tutti quei calciatori che fin’ora non hanno fatto nemmeno 90′, vuoi che non sappiano battere quelli scarsoni? E così, ti trovi all’80’ a mandare in campo tutti i tuoi attaccanti titolari nel tentativo di sbloccare la gara o, peggio, acciuffare il pareggio. Regola numero 1, evitare gli esperimenti in gare ufficiali, evitare di mandare in campo un numero eccessivo di calciatori che non hanno mai giocato insieme e che, se sono riserve, un motivo ci sarà. Siete fan del turn-over? Benissimo, ma che sia ragionato.

2) Concentrarsi solo su una tattica. Sono imbattuto da 5 gare, tre vittorie consecutive, segno tanto, subisco pochissimo, ecco la tattica perfetta. Frase che sembrerebbe non fare una piega, come confermato dai risultati, invece è un errore colossale. Perchè? Fm è uno scorcio della realtà, e nella realtà avete mai visto una squadra giocare sempre allo stesso modo, sempre con lo stesso schema, senza mai introdurre variabili? Il calcio è una scienze imperfetta, dove la tattica assoluta non esiste, ed è in continua evoluzione, proprio per questo bisogna prevedere situazioni di gioco e creare alternative rispetto alla tattica che tanto bene sta facendo: alla lunga gli avversari sanno prenderle le misure. Per questo il gioco da la possibilità di lavorare su 3 tattiche da far assimilare alla squadra.

3) Discutere con calciatori che vogliono andar via. E’ vero, tra calciatori che vogliono andar via e procuratori che tornano a batter cassa ogni due mesi Fm è diventato fin troppo realistico negli ultimi anni. Proprio per questo vi sarà capitato più di una volta di discutere con calciatori che lamentano poco calcio giocato, un contratto migliore o, addirittura, la cessione. Importante è non metterla mai sulla rissa, verbale ovviamente, specie se importanti all’interno dello spogliatoi i calciatori potrebbero trovarsi il coltello dalla parte del manico e mettervi in cattiva luce con il resto della squadra, portando all’ammutinamento dopo poco tempo. Per cui pazientate, non rispondete mai in modo aggressivo ed evitate di fare promesse se sapete che non potrete mantenerle, fatevi aiutare dal capitano (scegliete sempre attributi alti in carisma) e, se proprio un calciatore vi fare perdere le staffe, cedetelo. Ovviamente, se state discutendo con Messi e Cristiano Ronaldo, parlate con cautela ed evitate di arrivare all’ultima soluzione prospettata, i tifosi non ne sarebbero certo felici.

4) Cambiare tutto quando si perde. La squadra non gira, dopo 20′ siete già sotto 0-2 e non vedete la porta nemmeno per sbaglio, la difesa fa acqua e il centrocampo sembra inesistente. Qual’è la prima cosa che vi viene in mente? Ovviamente cambiare tutto, facendo  l’opposto di quanto fatto fino a quel momento o, peggio, selezionando impostazioni a casaccio. Risultato? Al 45′ se vi va bene siete sotto 0-4…La soluzione non c’è, o meglio,  le motivazioni sono talmente tante e analizzabili sotto così tanti punti di vista che sarebbe impossibile riassumerle in una guida, per cui stoppate il gioco, osservate con attenzione le statistiche, prendete nota di cosa non va e cosa può funzionare, migliorate gli errori fin lì commessi e osservate con attenzione quali situazioni potrebbero creare difficoltà all’avversario e rimettervi in partita. Infine prestate molta attenzione al discorso all’intervallo, caricare i vostri giocatori potrebbe aumentare le chance di una rimonta fin lì insperata, facendo gettare, come si suol dire, ai calciatori il cuore oltre l’ostacolo.

5) Cambiare tutto. Quasi un appendice del punto numero 4, state perdendo e avete voglia di cambiare tutto..anzi tutti. Ecco che così mettete mano alla panchina e fate 3 cambi tutti insieme. Nella realtà è cosa molto poco usuale, sarebbe buona regola fare altrettanto in Fm. Il rischio? Mandare tutta la squadra in confusione ma, soprattutto, ritrovarvi poco dopo con un infortunato e rimanere in 10.

 

Precedente Che fine ha fatto....? Maicosuel, il rigorista indigesto del Friuli Successivo Occhio a...Samuel Bastien, il pupillo di Maran che viene dal Belgio

Lascia un commento

*