Pippo Inzaghi: “Il destino mi ha dato la possibilità di rigiocare e segnare in due finali che mi persi per infortunio”

Giocare una finale di Champions League, un sogno di tantissimi calciatori che, sin dai primi calci dati ad un pallone, immaginano di poter vivere un momento del genere. Un’occasione per pochi, figurarsi giocarne due in pochi anni, portando in entrambi i casi la Coppa dalle grandi orecchie dalla tua parte. E’ la storia di Pippo Inzaghi, che in realtà di finali avrebbe potuto giocarne tre, fermato solo da un infortunio, ma che poi si è ripreso tutto con gli interessi, per sè e per i propri compagni.

“Il destino mi ha regalato la possibilità di rigiocare le due finali che mi ero perso per infortunio.
Nel 2003 non giocai contro il Boca Jrs, quando i miei compagni persero la Coppa intercontinentale ai rigori, mentre nel 2005 quasi arrivai a litigare con Ancelotti per giocare la finale di Champions con il Liverpool.
Avevo una lesione ad una rotula, ero un pazzo a voler mettere la mia squadra nelle condizioni di giocare con uno a mezzo servizio, bruciandosi subito un cambio, fortuna non mi ascoltarono.
Poi, due anni dopo, ho avuto la fortuna di rigiocare due finali, contro gli stessi avversari, consumando la mia personale rivincita contro il Liverpool nel 2007, segnando due gol, e mettendo a segno la doppietta al Mondiale per club, sempre contro il Boca”.

FILIPPO INZAGHI

Precedente Il Liverpool di Klopp, quando un cambio di ruolo può fare la differenza Successivo Barzagli racconta: "Ho visto tanti bravi calciatori montarsi la testa, il segreto è allenarsi per migliorarsi sempre"

Lascia un commento

*