Sinan Bytyqi, quando il calcio ti salva la vita due volte

Si chiama Sinan Bytyqi, ha 22 anni ed è uno del talenti più interessanti del calcio europeo, per il quale il Manchester City aveva vinto un derby tutto inglese nel 2012 per assicurarsi la sua firma a soli 17 anni.
Ala, trequartista, mezzala, buona tecnica e grande rapidità nei movimenti, tutte armi che Sinan aveva messo in mostra nelle giovanili dei citizens, e che gli erano valsi la chiamata del Kosovo, dopo diverse presenze nelle Under austriache.


Dopo qualche presenza nella serie B olandese nel 2015, il City decide di fargli fare le ossa con continuità, sempre in Olanda, agli Go Ahead Eagles, dove inizia da titolare, per poi fermarsi.

Il motivo? Un banale test medico che, in realtà evidenzia qualcosa di ben più serio: cardiomiopatia ipertrofica.
Nonostante ulteriori approfondimenti, analisi, test, il responso è ben chiaro: Sinan non potrà più giocare a calcio, la sua patologia non lo permette e non potrebbe essere altrimenti, il rischio sarebbe rimetterci la vita.
Il calcio, il mondo che Sinan aveva sognato fin da bambino e che sembrava finalmente poter diventare il suo, gli aveva beffardamente voltato le spalle, ben prima che egli potesse mostrare a tutti il suo potenziale.
Ma è quello stesso mondo che, ancora una volta, gli ha salvato la vita, non solo perchè gli ha permesso di scoprire la sua problematica evitandogli guai ben peggiori, ma perchè gli ha permesso di ritagliarsi una seconda, grande opportunità.
Il City, che non aveva dimenticato quanto aveva fatto per acquistare anni prima quel ragazzino di talento, bussa di nuovo alla sua porta, poche settimane dopo il ritiro dal calcio giocato. Sono le prime settimane del 2017, e il telefono di Bytyqi squilla con insistenza, dall’altro lato della linea c’è Fergal Harkin, capo osservatore del Manchester City, le parole sono ben scandite: 

“Ciao Sinan, anche se non giochi più a calcio mi farebbe piacere tu restassi qui a Manchester, nel mio staff, come osservatore”.

Poche parole ma che hanno nuovamente cambiato la vita di Bytyqi, ora professione osservatore, il suo scopo? Scoprire i nuovi potenziale talenti, quei ragazzini con il suo stesso sogno e che, magari con un pizzico di fortuna in più, potranno realizzarlo direttamente sul campo.
Si chiama Sinan Bytyqi e si, il calcio è il suo mondo, quello che gli ha permesso di rinascere ben due volte.

 

 

Precedente Paulo Dybala racconta: "Mi chiamavano 'el pibe de la pensiòn' perchè vivevo in un convitto, Gattuso l'allenatore che mi ha cambiato" Successivo Che fine ha fatto? Kerlon, la "foquinha" tormentata dagli infortuni

Lascia un commento

*