Iniesta ricorda: “Barça-Real Madrid era diventata una guerra, Mourinho aveva esasperato la rivalità”

Messi, Xavi,Puyol, Iniesta, leggende blaugrana protagoniste del ciclo del Barcellona invincibile sotto la gestione Guardiola e proseguito in seguito sotto la sapiente gestione di altri tecnici. Messi a parte, protagonisti anche della nazionale spagnola campione del mondo e due volte d’Europa tra il 2008 e 2012, capaci di creare uno zoccolo duro tra club e nazionale capace di vincere tutto. Uno di essi, Andrès Iniesta, ha da qualche tempo lasciato la sua adorata Barcellona, terminando la carriera in Giappone, ma i ricordi dei suoi anni in Catalogna sono intatti, a partire da un periodo di depressione di cui soffriva il fuoriclasse spagnolo, ricordando anche gli anni di troppa, eccessiva, rivalità con il Real Madrid, esacerbata secondo Iniesta dall’avvento di Mournho in blancos. Il racconto direttamente dalle parole dell’ex numero 8 del Barcellona:

“Sono stato depresso, ma in una situazione come quella della depressione non hai nulla, non senti ciò che ti accade attorno, aspettavo arrivasse la notte per prendere le pastiglie e riposare: la gente è mossa da una speranza, da un desiderio, da un obiettivo, ma quando soffri di depressione, non sei tu, quando sei così vulnerabile è difficile controllare i momenti della vita.
Avrei voluto poter giocare tutta la vita al Barça, ma non ero lì al mio meglio e non potervo dare il mio 100% alla squadra.
Ma sono orgoglioso della mia carriera al Barça, un pò meno di alcuni attriti che si sono creati in alcuni momenti con i nostri rivali di sempre.
Non è necessario aver fatto parte del Barcellona o del Real Madrid per sapere che la situazione era molto sgradevole e in questa situazione Mourinho ebbe un ruolo chiave.
Quello che si poteva vedere non era la solita rivalità, andava oltre il radicalismo, era odio, veniva coltivato di proposito ed era insopportabile.
Fece molti danni alle squadre, ai giocatori e alla Nazionale spagnola, oltre a non dare una bella immagine del campionato spagnolo all’estero”.

ANDRES INIESTA

Precedente Ibrahimovic e gli allenamenti extra di Capello: "Urlava che dovevo migliorare il tiro" Successivo Tra plebisciti e qualche contestazione, la storia degli ultimi dieci anni del Pallone d'Oro

Lascia un commento

*